Genova. Itinerario a Rapallo: il santuario di N. S. di Montallegro

Genova. Itinerario a Rapallo: il santuario di N. S. di Montallegro

Il percorso a piedi verso la meta. Panorama mozzafiato sul Monte Portofino. Viottoli, terrazze liguri, villini e punti di ristoro

Genova / Tempo libero / Weekend & Viaggi

Genova - Venerdi 27 gennaio 2012

La meta di questo itinerario è il Santuario di N.S. di Montallegro a Rapallo. La via più facile è sicuramente la funivia che, in soli sette minuti e godendo di un panorama mozzafiato, vi porterà in cima (al momento, però è chiusa). Ma siccome abbiamo parlato di itinerari, zaino in spalla ed eccoci qui.

Il percorso del Pellegrino inizia a Rapallo, presso la stazione a valle della funivia. L'antica mulattiera lunga 3,8 Km conduce alla sommità del Monte Leto, a seicento metri sul livello del mare. Il percorso è interamente in salita e richiede circa 1 ora e mezza con gambe buone, ma i panorami sono davvero impagabili. Se avete la fortuna di trovarla libera, vi consiglio di soffermarvi un attimo sulla panchina di pietra che incontrate circa a tre quarti del percorso, per ammirare lo splendido panorama del Monte di Portofino.

Un breve tratto più pianeggiante, con vista su san Maurizio dei Monti, anticipa una serie di gradini che conducono alla stazione a monte della funivia; da qui proseguite sul viale alberato che arriva ai piedi dell'imponente scalinata del Santuario di Montallegro.

Il Santuario, eretto a seguito dell'apparizione della Madonna il 2 luglio 1597 ad un giovane contadino, è maestoso, con il sagrato in ardesia e marmi, l'imponente facciata bianca, guglie e fregi. Fate attenzione, però, agli orari di apertura che prevedono una pausa tra le 12.00 e le 14.30, non sempre comodissima per chi desidera vistare il santuario.

Proseguendo il cammino, appena dietro la Chiesa, trovate un grazioso angolo picnic, dove potrete fare una pausa mangereccia o, per chi ha più appetito, pranzare presso le due strutture alberghiere poco più avanti: la Casa del Pellegrino (ristorante da Costante) e l'antico Albergo Ristorante Montallegro.

A questo punto potete scegliere se tornare giù con la funivia, rifare lo stesso percorso in discesa o proseguire per uno dei differenti sentieri che partono proprio da qui. Noi abbiamo scelto quello che, passando per la frazione di Semorile, arriva a sant'Ambrogio. Un sentiero lastricato, in quota, piacevole e ben segnalato; qui potrete incontrare anche ciclisti che prendono la deviazione per i percorsi adatti alla mountain bike.

Dopo circa un'ora inizia la ripida discesa fatta di scalini e viottoli, che vi porterà fino alla Chiesa di sant' Ambrogio, passando per uliveti, terrazzamenti e piccoli villini. Da sant'Ambrogio, attraverso la mulattiera, in circa mezz'ora si arriva a Rapallo sull'Aurelia, poco prima dell’inizio della passeggiata a mare. Voilà, l’anello è completato.

È un'escursione un po' fuori dai soliti classici giri sul Promontorio di Portofino ma non per questo meno interessante. Anzi, offre tranquillità e piacevoli scorci panoramici.

(Fonte: portofinotrek.com/trek)

Luisa Gulluni

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Google+