Raccolta differenziata: a Sampierdarena arrivano gli 'angeli del riciclo'

Raccolta differenziata: a Sampierdarena arrivano gli 'angeli del riciclo'

Un progetto di sensibilizzazione di Auser, Amiu e Comune. Da una settimana 14 volontari sono al lavoro nel quartiere. «La gente è interessata, ci...

 /  / 

Genova - Giovedi 11 ottobre 2012

Continua la sfida di Amiu e del Comune per raggiungere entro la fine dell'anno l'obiettivo imposto per legge nella raccolta differenziata in città. Dopo aver lanciato l'app gratuita ABCrifiuti, tornano in campo gli Angeli del riciclo, i volontari che armati di pettorina blu, schede informative e grande passione portano avanti un'importante opera di sensibilizzazione ambientale nei quartieri.
Dopo il successo dell'esperimento a Sestri Ponente, il progetto è partito anche a Sampierdarena con il sostegno di Auser, Spi e Cittadinanza attiva.

Per questo nuovo progetto Amiu ha arruolato 14 pensionati attivi nel volontariato e ben conosciuti dai residenti, che dopo aver seguito uno specifico corso di formazione, da una settimana tengono d'occhio cassonetti e zone critiche di Sampierdarena: il loro compito non è fare multe, ma spiegare alle persone come gestire al meglio e con responsabilità i propri rifiuti.
E, ovviamente, raccogliere lamentele e consigli per migliorare il servizio: per ogni persona contattata compilano un questionario con segnalazioni e osservazioni critiche. Poi, a metà novembre, le schede verranno analizzate da Amiu per migliorare il servizio. In una settimana gli Angeli ne hanno già raccolte più di 700.
Tra le maggiori criticità segnalate, gli utenti vorrebbero un numero più ampio di cassonetti e una maggiore celerità nello svuotamento delle campane. Altro dato significativo: l'80% degli intervistati dichiara di fare la raccolta differenziata.

«La gente è interessata, ci cerca: è uno spettacolo» spiega entusiasta il volontario Luigi, che dopo aver fatto parte del progetto pilota a Sestri, ora è operativo anche a Sampierdarena.
«Durante il corso ci hanno anche portati a Scarpino - gli fanno eco due colleghi con la pettorina blu - Ci aspettavamo di doverci tappare il naso, invece c'è altissimo tasso di tecnologia: è stata un'esperienza molto interessante».
«L'accoglienza è stata ottima, anche perché i volontari sono persone conosciute nel quartiere - conferma Paolo Rapallino della Spi Cgil - Inoltre, rispetto anche solo a pochi anni fa, le persone sono molto più attente all'ambiente e alla gestione dei rifiuti».

«Fa piacere vedere questo entusiasmo nei volontari - spiega l'assessore all'Ambiente Valeria Garotta - E ci fa piacere vedere lo stesso entusiasmo nella raccolta differenziata anche da parte di anziani e stranieri. L'obiettivo è estendere l'opera degli Angeli del riciclo anche al Lagaccio e al centro storico».

La legge prescrive l'obbligo per i Comuni di arrivare al 65% di raccolta differenziata entro la fine dell'anno. A che punto siamo?
«Attualmente quell'obiettivo è irrealistico - spiega l'assessore - Ora siamo al 32%, ma se riuscissimo a partire con la raccolta dell'organico in tutta la città potremmo agevolmente arrivare al 40%. Occorre anche precisare che l'Europa ci chiede di arrivare al 50% entro il 2020. Ci stiamo lavorando».

Matteo Paoletti

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Società & Tendenze Attualità