Reuse: a Genova il riciclo creativo della plastica

Reuse: a Genova il riciclo creativo della plastica

Il bando per i giovani artisti all'insegna del riuso, tra esposizioni, installazioni e attività artistiche. Gli eventi proseguono fino a settembre. L'inaugurazione giovedì 30 aprile a Palazzo Verde

 /  / 

Genova - Lunedi 27 aprile 2015

Prende il via il programma di esposizioni, installazioni e attività artistiche previste da Reuse, Azioni per il riciclo creativo della plastica, progetto nell’ambito del programma strategico Med-3r. Giovedì 30 aprile, ore 18, inaugura nella Sala Cuspide di Palazzo Verde (via del Molo 65), l’esposizione delle opere d’arte contemporanea selezionate dal bando Reuse (re-use).

Il bando per giovani artisti under 35 ha voluto porre l'attenzione sui problemi legati ai rifiuti plastici, riconoscendo nel gesto creativo un potente alleato per dimostrare che il recupero e il riutilizzo dei rifiuti plastici e la loro trasformazione in oggetti e produzioni artistiche possono essere strumento e risorsa per valorizzare gli spazi espositivi e urbani, per un forte impatto ambientale, per lo sviluppo, il sostegno e l’affermazione della cultura e della creatività.

In particolare, per la sezione Palazzo Verde, la giuria ha selezionato tre opere, che saranno esposte al pubblico con ingresso libero dal primo maggio al 14 giugno 2015. Si tratta di From energy to energy di Tvrtko Buric, The spring storm di Leonard Sherifi e Recycle readymade di Ordinariamministrazione.

Ecco gli orari della mostra: dal primo maggio al 14 giugno (dal lunedì al sabato, ore 15.30-19; sabato 16 maggio: apertura straordinaria fino a mezzanotte in occasione della Notte dei Musei).

Azione plastica Palazzo Verde: gli artisti

  • From energy to energy di Tvrtko Buric
    Materiali plastici derivanti da oggetti che ci circondano nel quotidiano o provenienti dai cantieri, attraverso un trattamento ad alte temperature, vengono riutilizzati dando vita ad un'opera che fa apparire la materia al suo stato di origine, un gesto violento che annulla la funzione precedente dell'oggetto esprimendo nel rifiuto la volontà di cambiamento. Collocata nel punto di maggiore interesse della sala, in un ambiente che si sviluppa verso l'alto, l'installazione prende corpo in verticale seguendo la sua dinamica. Al centro di essa vi è posto l'essere umano, creatore e consumatore, che dovrebbe avere la responsabilità e coscienza di cosa fa e cosa lo circonda.
  • The spring storm di Leonard Sherifi
    L'opera di Leonard Sherifi riflette sul processo di alienazione in atto nel sistema consumistico. Nuove creature dall’aspetto primitivo, le sculture in Pet, micro-città fantastiche composte da frammenti di oggetti d'uso quotidiano o industriali, le fotografie, figure simboliche che esprimono il senso di straniamento dell'essere umano nella sua manipolazione artificiale, i dipinti, opere che evocano tutte insieme le strutture originarie della natura e del linguaggio della società contemporanea in una continua tensione tra vita e morte, tra nuovo e vecchio, tra l'ineluttabilità del residuo di scarto e ciò che invece si rinnova nel ciclo vitale. Un processo di liberazione della forma dall'oblio che annuncia una salvezza possibile al di là del disfacimento fisico e morale d'ogni produzione e consumo. (Stella Seitun)
  • Recycle readymade di Ordinariamministrazione
    Recycle Readymade mette in luce alcune continuità tra natura e cultura. In questo caso il readymade è un oggetto presente nell’ambiente naturale come risultato dell’azione animale. Gli uccelli costruiscono i loro nidi con fili di plastica che trovano nell’ambiente: gli scarti umani diventano materiale utile al confezionamento del luogo destinato ad accogliere la prole. Un fare che possiamo descrivere con alcune categorie, cercando di definire queste pratiche. Il riciclo è un processo produttivo per ottenere qualcosa d’altro, che a sua volta già stato frutto di un processo produttivo. La pratica del riciclo di materiali e semilavorati accompagna l’essere umano durante tutta la sua evoluzione tecnica. Il concetto di riciclo si basa sulla distinzione di cosa sia prodotto della cultura umana e cosa invece si possa trovare in natura. Queste categorie vengono messe in crisi da Recycle readymade. Uscendo da una prospettiva antropocentrica, è nato prima il riciclo o la produzione? Riciclo come forma di produzione o produzione come forma di riciclo?

Approfondisci

Reuse è anche:

  • Basamenti dal 30 luglio al 11 ottobre | piazza Matteotti
  • Shot dal 10 settembre al 11 ottobre | Sala Dogana
  • Street Plastic dal 10 settembre al 11 ottobre | da piazza Matteotti a via del Molo

C.S.

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Cultura Arte