Ristoranti etnici a Genova: qual è il tuo preferito?

Dal peruviano al giapponese, dall'eritreo al messicano, fino all'indiano. Piatti da ogni latitudine del mondo che aspettano solo d'essere scoperti. Vi guidiamo nei locali di Zena

 /  / 

Genova - Venerdi 19 agosto 2016

Qual è il tuo ristorante etnico preferito? Scrivilo a redazione@mentelocale.it.

Genova è una città portuale e di commercio, che da sempre si confronta con culture provenienti da ogni parte del mondo: persone, colori, abiti e... sapori. Tra i caruggi e il cielo di macaia, numerosi locali oggi portano nel cuore della Superba un pezzettino della loro Terra, custodendone la gastronomia tipica.

Se qualche volta al piatto di trenette al pesto preferite provare un gusto nuovo, vi consigliamo dove mangiare etnico a Genova.

  • Cucina araba – Nabil (vico Falamonica 21r)
    Nabil
    significa nobile, ed è il nome del ristorante e del suo proprietario, che dall'85 fa conoscere gusti e odori arabi, dalla Palestina alla Giordania. Hummus, falafel, tabulè, burgol e il super tipico mansaf, piatto nazionale giordano con carne di agnello, pinoli, mandorle abbrustolite, riso e yogurt cotto. Roba da mille e una notte. A mezzogiorno, anche servizio take away.
  • Cucina brasiliana - Barravento
    Se la vita ti dà un limone, fanne una caipirinha. Obbligatorio annaffiare la vostra cena brasiliana con la caipirinha nelle sue varianti tipiche, più di 20 fra frutta e non. I piatti di punta sono la picanha, taglio peculiare della cucina giallo oro, cotta al churrasco con contorni tipici e il churrasco completo alla sera con 8/10 tipi di carne con accompagnamenti caratteristici.
    Cucina coreana - Yakido
    Ritrovatevi tutti intorno al fuoco: qui potrete provare il Bulgogi, il tipico barbecue coreano, con la griglia in ceramica incastonata al centro del tavolo. Si può così, in piena autonomia e in poco tempo, cuocere straccetti di manzo, coppa di maiale, pancetta, spiedini, gamberoni, seppie, misto di pesce e verdure. Da abbinare con salsine dolci o piccanti e con le kimchi, le tradizionali verdure fermentate.
  • Cucina dell'est – Kowalski (via dei Giustiniani 3r)
    Ecco come sorvolare l'est Europa a bordo di un piatto, tra goulash, zuppe, pirogi (ravioli di patate conditi con cipolla pancetta e panna acida), tortelloni, strudel e una vodka d'arrivederci a fine pasto. Ristorante e anche pub, dove attardarsi la sera in compagnia di birre, vini e superalcolici dalla Russia alla Slovenia.
  • Cucina eritrea - Eritrea Huwnet (via dei Macelli di Soziglia 32r)
    Un take away al profumo d'Africa nel cuore del centro storico: polpette a volontà, cous cous, spezzatini come lo zighinì (stufato di carne piccante) e verdure. Poiché nella cucina eritrea non esistono le portate, il piatto tipico viene servito su un grande vassoio posto al centro del tavolo, e i commensali si servono usando un pezzo di ingera, il pane tipico, spugnoso e dal gusto leggermente acidulo.
  • Cucina giapponese e cinese – Jay (piazza di Sarzano 2r)
    Originali rotolini e pesce freschissimo, evidente dalle fette di sashimi (pesce crudo senza riso): questo ristorante nipponico serve barche di sushi a volontà, dagli hosomaki ai nigiri, ma anche deliziosi piatti cinesi. L'ideale è chiudere il pasto con il sake, bevanda alcolica tipica servita calda in una fiaschetta e tazzine di ceramica. Disponibile la formula all you can eat.
  • Cucina indiana Bombay Tandoori (via Caffa 7r)
    Colori, aromi e accoglienza che ti portano dritto in India, in un ristorantino dove l'uso del forno tandoori è magistrale. Dal chicken tikka masala al biryani (piatto unico a base di riso), dai samosa (triangolini di verdure fritti) al paneer (formaggio tipico), cucinato in varie salse. Se siete fortunati, il proprietario Rahul vi offrirà un goloso dolcetto della casa.
  • Cucina indonesiana – Borobudur (Via di Canneto Il Lungo8r)
    Incastonato tra le storiche mura d'un palazzo genovese del '400, il nome del locale fa riferimento al più grande tempio buddista del mondo, sull'isola indonesiana di Java. La cucina include svariate prelibatezze, preparate secondo antiche ricette, che includono gamberi, riso, pollo, salse piccanti, foglie di banano, latte di cocco e molto altro. Una danzatrice, fasciata in appariscenti costumi, esegue danze tradizionali ogni sera.
  • Cucina messicana – Veracruz (via San Bernardo 59-61r)
    Sulla base dall'amore per il loro Paese, i fratelli Montaño, nati a Veracruz e genovesi d’adozione, aprirono questo ristorante dai sapori focosi del Mexico. Tacos, tortillas, salsa chipotle e guacamole, totopos (triangolini di mais dorati) con formaggio fuso e tante altre particolari combinazioni di sapori.
  • Cucina peruviana – Mi rico Perù (via Di Canneto il Lungo 102r)
    Nell'antica via zeneize di pescivendoli e besagnini, si è fatto spazio un angolino dedicato alla cucina peruviana. Mi rico propone cheviche, stufati e spiedini di carne, patate in abbondanza, chaufas (piatto unico a base di riso), zuppe e altre leccornie. Passate all'ora dell'aperitivo per sorseggiare un Pisco Sour, il cocktail nazionale del Perù. Fa anche il brunch domenicale.
  • Cucina thailandese - Yuan
    Ma anche cinese e giapponese, in pieno stile asian fusion. Arredamento minimal chic, magistralmente studiato, ed un'invidiabile vista sui portici di via venti Settembre. Il pesce crudo è una gioia per le papille e le ricette thai sono nuovi sapori stuzzichevoli: provate i gamberoni alla menta e il pollo al curry verde.

Adele Firpo

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Bere & Mangiare Locali

Potrebbe interessarti anche...