Car sharing a Genova: parcheggi, auto e tariffe

Car sharing a Genova

Car sharing a Genova © facebook.com/carsharing.genova

Ampliamento del parco auto, potenziamento dei parcheggi e costi che guardano alle modalità di utilizzo. Le novità del servizio passato ad Aci Global

 /  / 

Genova - Martedi 28 febbraio 2017

Rinnovamento, ampliamento e tariffe che incontrino le diverse necessità degli utenti: sembrano essere queste le parole-chiave delle principali novità del servizio di car sharing a Genova.

Dopo che Aci Global ha rivelato Genova Car Sharing Srl (società nata nel 2003 e passata, nel 2013, a Genova Parcheggi), crescita, capillarità e offerta di un servizio sempre più adeguato alle varie esigenze sembrano essere i focus su cui punta l’attenzione il servizio di mobilità che trova in Genova una delle metropoli ai primi posti per numero di fruitori.

«Con il passaggio da una proprietà totalmente pubblica ad una realtà inserita in un contesto a livello nazionale, che opera in città come Milano, Verona e Firenze, si è acquisita una diversa capacità di investimento», afferma Marco Silvestri, responsabile Genova Car Sharing.

Diversi i punti interessati dalla novità, a iniziare dall’ampliamento del parco auto: se il vecchio Genova Car Sharing metteva a disposizione dell’utente diverse tipologie di auto potendo contare su una flotta di oltre una quarantina di mezzi, in futuro «si passerà a un parco auto di oltre 60 unità con l’intenzione di crescere ancora nel 2018», potendo contare anche su auto totalmente rinnovate che, in questa fase di passaggio, si stanno ancora affiancando alle vecchie. GirAci: questo il marchio che vedrete campeggiare sulle nuove auto car sharing.

Altro punto focale, il «potenziamento dei parcheggi già esistenti e un ampliamento territoriale che vede una copertura che da Nervi arriva fino a Pegli».

Dal fronte delle tariffe arriva un segnale al ribasso e anche un chiaro invito circa «l’opportunità per chi ha esigenza di muoversi di dotarsi di una tessera car sharing. Per chi fa meno di 8 mila km in un anno, ovvero la maggior parte degli automobilisti, il car sharing rimane l’opzione più economica», continua Silvestri.

Il responsabile di Genova Car Sharing ricorda anche i vantaggi che comporta lo spostarsi in città con questo servizio, dal «poter transitare sulle corsie riservate agli autobus fino alla possibilità di parcheggiare gratuitamente in tutte le aree blu e isole azzurre del comune ed entrare nelle zone a traffico limitato, come nel centro storico».».

A essere sempre apprezzata - sottolinea - anche la possibilità di usufruire di vetture tipo Cargo che rappresentano una soluzione ideale per chi ha necessità di effettuare rifornimenti di magazzini o piccoli traslochi, arrivando nel centro storico della città senza doversi munire dei necessari permessi.

Il servizio car sharing a Genova offre anche diverse tipologie di tariffe che guardano alle modalità di utilizzo: si va da quella che prevede un breve utilizzo fino alla tariffa giornaliera e plurigiornaliera, adatta a chi deve compiere corse più lunghe. Se, invece, state pensando ad un weekend o ad un periodo più lungo, si ha accesso a formule tipo noleggio.

Con le nuove tecnologie entrare nel mondo del car sharing è facile e piuttosto veloce. La prenotazione, infatti, ricorda Silvestri, oltre che telefonicamente, può essere effettuata anche con «una app intuitiva e georeferenziata che permette all’utente di conoscere la posizione della vettura più vicina».

Altro capitolo su cui focalizzare l’attenzione è quello che riguarda le auto elettriche. «Sono solo due, per il momento, le vetture di questo tipo in nostra dotazione - afferma Silvestri -. Ma l’argomento è interessante e, se dal punto di vista del gestore i costi sono ancora elevati, sono più vantaggiose per il cliente che si vede applicata solo la tariffa oraria e non kilometrica. Se in futuro ci sarà un buon riscontro si potrà pensare di ampliare anche questo servizio».

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Società & Tendenze Attualità