Irina Brook alla regia de L'isola degli schiavi al Duse

Scena d'insieme di L'isola degli schiavi

Scena d'insieme di L'isola degli schiavi

Una commedia utopica che ribalta la relazione tra servi e padroni. Un testo di Pierre de Marivaux di folgorante attualità. Dal 21 marzo al 9 aprile

 /  / 

Genova - Giovedi 16 marzo 2017

Contenuto in collaborazione con il Teatro Stabile di Genova.

Mercoledì 29 marzo, ore 17.30, nel foyer del Teatro della Corte, per il ciclo I pensieri delle parole, conversazione con Irina Brook, regista dello spettacolo. L’ingresso è libero.

La prima rappresentazione de L’isola degli schiavi, martedì 21 marzo, sarà preceduta nel foyer del Teatro Duse, alle 19.45, da un breve concerto organizzato in collaborazione con il Conservatorio Paganini sull’opera comica del ‘700. L’ingresso al concerto è libero.

Martedì 21 marzo alle ore 20.30 debutta in Prima Nazionale al Teatro Duse L’isola degli schiavi di Pierre de Marivaux, coprodotto dal Teatro Nazionale di Nizza e dallo Stabile di Genova. La regia dello spettacolo è curata da Irina Brook, direttrice del Teatro di Nizza, mentre i protagonisti sono Martin Chishimba, Andrea Di Casa, Elena Gigliotti, Marisa Grimaudo, Duilio Paciello. Le scene sono di Noёlle Ginefri, i costumi di Catherine Rankl, le luci di Alexandre Toscani.

La commedia di Marivaux racconta le tragicomiche disavventure di una coppia di padroni, Ificrate ed Eufrosina e dei loro rispettivi servi, Arlecchino e Cleantina che, scampati miracolosamente a un naufragio, si ritrovano sull’Isola degli schiavi dove il saggio governatore Trivellino impone un bizzarro regolamento: i padroni e i servi devono scambiarsi abiti, nomi e soprattutto ruoli. I primi, per pentirsi della propria superbia ed arroganza. I secondi per liberarsi del rancore che nutrono verso i padroni. Solo dopo la “redenzione”, ognuno riprenderà il proprio ruolo e potrà far ritorno nel vecchio mondo. Quando Trivellino esce di scena, gli ex-servi cominciano a tiranneggiare i loro ex-padroni e a fare avances alle loro donne, sfogando così tutta la rabbia repressa. Poco alla volta, però il desiderio di vendetta ha fine, dando origine ad un nuovo rapporto padrone-servo, basato sul reciproco rispetto ed affetto e non regolato da rigide distinzioni sociali.

L’isola degli schiavi è una commedia che sorprende per la sua folgorante attualità in cui l’autore, fra l’ironia e il sarcasmo, ci mostra la dialettica servo-padrone decenni prima di Marx. Marivaux sembra dirci con stupefacente lungimiranza: gli uomini dovrebbero amarsi fra loro, qualunque sia la loro estrazione. In fondo siamo tutti sulla stessa “isola”.

Andrea Di Casa e Marisa Grimaudo

Approfondisci

L’isola degli schiavi debutta in Prima nazionale il 21 marzo ed è in scena al Duse fino a domenica 9 aprile.

Lo spettacolo è in scena dal martedì al sabato alle ore 20.30, domenica alle ore 16.

La recita del giovedì inizia alle 19.30.

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Spettacoli Teatro