Multimedia Genova

La Rosa e la Viola nel cortile di Palazzo Tursi. Giovedì 21 luglio

Mercoledi 13 luglio 2016 ore 12:27

Giovedì 21 luglio il terzo appuntamento della rassegna La Voce e il Tempo, tra concerti, conferenze e workshop dedicati alla musica vocale e antica.

Musica, canti e danze dell’appennino La Rosa e la Viola, un programma di musiche dalla tradizione delle Quattro Province a cura del gruppo Enerbia, si svolgerà dalle ore 21 presso il Cortile di Palazzo Tursi, dove la serata si aprirà anche alle danze.

Il concerto propone il repertorio delle antiche danze di gruppo dell'Appennino: alessandrine, gighe,  piana,  bisagna  insieme a danze più recenti come magnifci valzer popolari legati alle feste e alle occasioni della vita sociale. Quello che viene evocato è un medioevo pieno di luce e di gioia, dove trionfa la figura mariana e la simbologia a lei connessa: rose e viole, gigli candidi, stelle splendenti e fulgore di suoni. Infatti, lo scriptorium e la Biblioteca di Bobbio sono stati tra i modelli utilizzati da Umberto Eco per il romanzo Il nome delle rosa.

Il titolo del concerto, La Rosa e la Viola, è tratto da un canto di questua che veniva effettuato nella notte tra il sabato Santo e la Pasqua nella zona del Brallo, proprio nel cuneo geografico che costituisce il confine tra le quattro province. Alcuni dei brani più interessanti del repertorio popolare e antico sono legati al rifiorire della natura in primavera: queste occasioni rituali primaverili segnano l’inizio delle feste profane estive, con il loro repertorio di danze antiche di gruppo, di canti dedicati al matrimonio, alla serenata notturna e alla festa campestre; nei testi sono evocati i fiori con  la loro simbologia, l’ebbrezza del vino e  l’amore.

In questa serata i canti d'amore e di viaggio si alternano a esempi di canto rituale legati al ciclo agrario e ai riti calendariali, canti narrativi che sono veri e propri racconti per il popolo, accanto al repertorio delle danze arcaiche con l’utilizzo degli strumenti legati alla tradizione delle Quattro province.

Sul palco l’Ensemble Enerbia, formato da Maddalena Scagnelli (violino e voce), Gabriele Dametti (piffero e flauto), Franco Guglielmetti (fisarmonica) e Adriano Sangineto (arpa anglica), musicisti dalla formazione assai ampia che spazia dalla ricerca etnomusicologica  alla didattica, dall’uso degli strumenti antichi e dalla loro costruzione all’esecuzione  vocale.

La rassegna La voce e il tempo è organizzata dall'associazione Musicaround, grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito della Scadenza Unica 2016 Performing Arts.

Ingresso a offerta libera.