Multimedia Genova

César Brie all'Altrove con 120 Kg di Jazz

Venerdi 10 marzo 2017 ore 9:56

Al Teatro Altrove, venerdì 10 e sabato 11 marzo 2017, ore 21, César Brie è autore, regista e interprete di 120 chili di jazz, una produzione Arti e Spettacolo.

Al centro della scena Ciccio Méndez. «Ciccio Méndez - scrive César Brie - vuole entrare a una festa per vedere la sua innamorata (che non sa di esserlo). Decide così di fingersi contrabbassista del gruppo jazz che allieterà la serata. Méndez non sa suonare il contrabbasso, ma con la sua voce da uomo delle caverne imita alla perfezione il suono delle corde. Dovrà riuscire a sostituire il vero contrabbassista del gruppo e a nascondere a tutti la propria incapacità di suonare lo strumento».

«Ciccio Méndez  non è mai esistito. Nasce dalla cattiva abitudine di due amici robusti che ho perso  di vista i quali, seduti ai miei fianchi in una classe del Colegio Nacional Sarmiento a Buenos Aires, mi facevano fare la parte del prosciutto nel panino, schiacciandomi in mezzo a loro». 

«Dietro questo racconto si celano tre amori: l’amore non corrisposto per una donna per la quale si finirebbe all’inferno; l’amore per il jazz, che aiuta Ciccio Méndez a sopportare la sua immensa solitudine, e l’amore per il cibo, nel quale Ciccio trova brevi e appaganti rifugi e consolazioni».

_________

Attore, drammaturgo, regista, pedagogo, scrittore César Brie nasce a Buenos Aires, Argentina. Arriva in Italia a 18 anni con la Comuna Baires, gruppo teatrale di cui è cofondatore. Si separa dalla Comuna nel 1975 e comincia a sviluppare un’arte apolide, a stretto contatto con le molte realtà incontrate in una vita passata per scelta in esilio. Nel 1975 crea a Milano il Collettivo teatrale Tupac Amaru. Dal 1981 al 1990 lavora insieme a Iben Nagel Rasmussen nel Gruppo Farfa e poi nel Odin Teatret di Danimarca. Oggi César Brie è ancora in Italia come pedagogo, e come autore/attore. Tra i suoi lavori: Il mare in tasca (Cesar Brie-Arti e Spettacolo), Albero senza ombra (Fondazione Pontedera Teatro / collaborazione organizzativa Arti e Spettacolo), Karamazov, (ERT, 2012), Il vecchio Principe, InDolore (sulla violenza domestica), Viva l'Italia testo di Roberto Scarpetti (Teatro dell'Elfo).